Duello nel Mondo (1966)

 

Scheda del Film:

Regia: Luigi Scattini
Soggetto: Ernesto Gastaldi
Sceneggiatura: Ernesto Gastaldi
Con: Bernard Blier
  Jack Stuart
  Richard Harrison
  Dominique Boschero
  Hélène Chanel
  Luigi Pierdominici
  Silvio Bagolini
Fotografia: Claudio Racca
Montaggio: Alberto Gallitti
Scenografia: Gastone Carsetti
Musiche Originali di: Piero Umiliani
   
Prima Proiezione ITA: 12 Novembre 1966
Prima Proiezione FRA: 31 Maggio 1967

Sinossi:
I nuovi assicurati di una grande compagnia muoiono uno dopo l’altro, misteriosamente. La società incarica Fred Lester, uno dei suoi agenti più abili, di scoprire cosa stia succedendo. L’investigatore si mette sulle tracce dei cadaveri e aspiranti tali, inseguendoli per mezzo mondo e avendo il suo daffare per difendersi da una misteriosa organizzazione che vorrebbe eliminarlo. Insieme alla figlia di una delle vittime, Fred scopre una verità inaspettata. Era il capo dell’assicurazione, la persona che muoveva astutamente la crudele organizzazione e che si appropriava di ingenti somme di denaro, costringendo le vittime ad assicurarsi sulla vita e sopprimendole, subito dopo, senza che alcuno sospettasse il delitto (Morandini)

Note del Regista:
1962: esplode anche in Italia il “bondismo”. Le sale cinematografiche sono stracolme di spettatori, affascinati dalle meravigliose avventure di Sean Connery che veste per la prima volta i panni di James Bond.
Visti i risultati positivi, gli incassi ai botteghini, anche il cinema italiano si butta nella mischia e inizia a girare decine di film nella speranza che l’Agente segreto colpisca, risolvendo gli eterni problemi che affliggono l’industria cinematografica da sempre.

Anch’io, come tanti altri registi italiani, ho girato in quel periodo un film di spionaggio “Duello nel Mondo”, firmandolo con lo pseudonimo di Arthur Scott. Un nome esotico che potesse facilitare le vendite all’estero del film. Storia di un poliziotto e un malvivente che si inseguono per tutte le parti del globo.
Con questo film infatti, girai veramente dappertutto; Brasile, Inghilterra e Cina, e per compagni ebbi due grandi attori quali Bernard Blier e Giacomo Rossi Stuart (con lo pseudonimo di Jack Stuart) , il padre di Kim Rossi Stuart . E poi anche un giovanissimo attore di Hollywood, Richard Harrison, che ricordo sempre con molto affetto e stima per la sua disponibilità a collaborare. Richard era famoso in quegli anni in Italia per aver girato diversi film di genere. Accanto a loro, due bellissime donne: nella prima parte del film la sensuale Dominique Boschero e nella seconda, l’affascinante Hélène Chanel, col nome di Sheryll Morgan.

diapositiva21

Una delle scene più spettacolari la girammo al Tiger Balm Gardens Park a Hong Kong. Il parco era disseminato di strani mostri coloratissimi fra i quali ambientai diversi duelli. La proprietaria di questo posto era una cinese, donna molto importante e ricca, che girava in città in limousine con autista. Era come molti cinesi impenetrabile, ciò nonostante simpatizzammo e mi aiutò ad avere permessi e a girare appunto nel parco, che era di sua proprietà.

Purtroppo però le cinque scatole di girato non arrivarono mai a Roma: gli ultimi giorni c’erano stati alcuni dissapori con un cinese che ci faceva da guida e che lavorava per lei e, nel salutarci in aeroporto, si congedò parlando nella sua lingua con una strana luce negli occhi. Suggestione o verità ? Quel che è certo la pellicola non arrivò e, non avendo a disposizione il girato a cui tra l’altro tenevo particolarmente, dovemmo rigirare completando le scene…indovinate dove? …Al giardino zoologico di Roma (oggi Bioparco), ove incredibile a dirsi, alcune rocce dove vivevano i leoni erano abbastanza simili a quelle che avevo lasciato a Hong Kong.

diapositiva411

Nella scena era previsto che Giacomo Rossi Stuart colpito da un colpo di karate, precipitasse da una roccia. La sfortuna volle che nonostante avesse un fisico allenato e muscoloso, la roccia lo tradisse. E così scivolò fratturandosi il naso, il bel naso di Giacomo. Per fortuna era l’ultimo giorno di lavorazione, il film era finito, la maledizione del cinese di fatto, aveva procurato pochi danni e il sacrificio di Giacomo non fu vano !

Il film uscì in Italia nell’autunno del 1966 non andò benissimo ma fu venduto in molti paesi all’estero, in alcuni dei quali fece degli ottimi incassi.

About these ads

2 risposte a Duello nel Mondo (1966)

  1. filomeno scrive:

    Crítica de “Duello nel mondo” (Intriga Internacional, en “La Vanguardia”, del sábado 21 de junio de 1975, página 45)

  2. filomeno scrive:

    Agente secreto con gafas…….¿Agente intelectual?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: